Le parti comuni di un condominio

Quando si parla di condominio, necessariamente si devono considerare anche tutte le parti in comune, il cui uso è quindi condiviso fra i vari condòmini.

 

Infatti, oltre al piano o quella parte di piano in cui vi è l'appartamento del singolo condomino, vi sono tutte quelle altre parti che compongono l'edificio e che quindi sono in comproprietà. In altri termini, chi acquista un dato condominio diventa proprietario di quella specifica unità abitativa e, al contempo, comproprietario delle parti comuni.

 

Per fare chiarezza, la recente riforma del condominio (entrata in vigore nel 2013) ha riformato l'art. 1117 del Codice Civile che fornisce una prima definizione di quelle che possono essere considerate le parti comuni di un condominio.

 condominio_8.jpg

Le parti comuni di un condominio

La legge prova così a individuare tre gruppi di parti comuni:

 

  • il primo gruppo riguarda le parti dell'edificio destinate all'uso comune. Tra queste, evidentemente, c'è il suolo su cui è edificato l'immobile, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti, le scale, i portoni e i cortili. E ancora i vestiboli e gli anditi: i primi si riferiscono allo spazio che intercorre tra il portone d'ingresso e l'interno del palazzo, mentre i secondi sono gli spazi riservati all'accesso negli appartamenti e/o alle parti comuni;


  • il secondo gruppo riguarda le aree destinate al parcheggio, nonché locali per servizi comuni quali portineria, lavanderia, stenditoi e sottotetti destinati all'uso di tutti i condomini;


  • il terzo gruppo concerne opere e installazioni che sono di per sé destinate all'uso comune come ascensori, impianti idrici e fognari, sistemi centralizzati per la distribuzione di gas, energia elettrica, riscaldamento, tv e altro ancora.

 

Diritti e doveri del condomino

Per quanto riguarda i diritti e i doveri del singolo condomino sono importanti le disposizione di cui all'art. 1118 del Codice Civile. In sintesi, il diritto del condomino sulle parti comuni è proporzionale al valore della propria unità immobiliare, salvo disposto diversamente. Egli non può rinunciare al diritto alle parti comuni, così come non può sottrarsi rispetto alle spese per la manutenzione delle stesse parti comuni.

 

Chiedi maggiori informazioni sulle soluzioni per assicurazione condominio

Compila il modulo con i tuoi dati per ricevere dettagli ed aggiornamenti.

Compilando il modulo acconsenti al trattamento dati come previsto da informativa privacy

 
Accetto
 
Non accetto